PASSAGGIO DI PROPRIETA’ DEI VEICOLI

Il Decreto Legge 4 luglio 2006, n. 223 ha esteso ai Comuni la possibilità (prima riservata esclusivamente ai notai) di autenticare la firma del venditore nei passaggi di proprietà dei veicoli o di altri beni mobili registrati.

Nel nostro Comune la competenza è stata affidata ai funzionari dell’Ufficio Anagrafe incaricati dal Sindaco.

E’ necessario che si presenti personalmente il venditore con un proprio documento di riconoscimento, una marca da bollo da Euro 16,00 ed il certificato di proprietà del veicolo, preferibilmente già compilato nella parte contenente i dati dell’acquirente, campi M e T sul retro del certificato di proprietà, ed il prezzo di vendita del veicolo.

La firma contestuale deve essere posta da tutti i proprietari del veicolo (comproprietari).

Entro 60 giorni dalla data dell’autentica della firma dell’atto di vendita è obbligatorio registrare al PRA o presso una Agenzia di pratiche automobilistiche o all’ACI il passaggio di proprietà.

Costo: € 0,52 per diritti di Segreteria + n. 1 marca da bollo da € 16,00

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE

Dal 5 ottobre 2015, il Certificato di Proprietà viene rilasciato dal PRA esclusivamente in modalità digitale sostituendo progressivamente l’attuale documento cartaceo.

Al cittadino che dal 5 ottobre richiede una formalità al PRA, per la quale è previsto il rilascio del Certificato di Proprietà, viene emesso un CdP digitale – CDPD – che risiede nei Sistemi informativi ACI e viene consegnata una ricevuta contenente un codice d’accesso attraverso il quale è possibile visualizzare il CDPD con le seguenti modalità:

  • attraverso la lettura mediante smartphone o altro dispositivo idoneo del QR-code presente sulla ricevuta;
  • collegandosi all’indirizzo web indicato nella ricevuta digitando il codice di accesso tramite la funzione “Consulta il Certificato di Proprietà Digitale”

Tutte le persone in possesso del nuovo Certificato di Proprietà, in caso di vendita del veicolo dovranno recarsi all’ACI, muniti di ricevuta di possesso del Certificato e provvedere a materializzarlo rendendolo cartaceo, solo dopo aver ottenuto la stampa del digitale dall’operatore ACI sarà possibile effettuare l’autentica della firma sulla dichiarazione di vendita (sempre secondo le modalità in vigore per il vecchio Certificato).